Tiade sito - Fil rouge

Fil rouge, la scrittura

Tiade sito - Fil rougeEcco, di lavoro ne ho fatto tanto, mi prendo una pausa a notte fonda con un po’ di jazz.
Guardo le pagine aperte sul pc e ricollego il filo che le ha legate.
La posta, Drive, un sito che descrive le fasi di decomposizione dei cadaveri, che chissà come cavolo ci sono arrivata, un paio di ricerche Google, un notes, e le pagine di un sito tra un articolo sul marketing e uno su fb.
Un’altra scrittrice. Bene.
Poi leggo i commenti e riconosco un’altra scrittrice, della quale seguo il sito, che è a sua volta presente sull’unico altro blog che leggo.
Sorrido.
Ho tre, dico tre di numero, blog interessanti salvati tra i preferiti vari, e scopro che tutti e tre sono in qualche modo connessi.
Mi rendo conto che c’è un filo comune, ognuno con le proprie specificità, lo stesso che ha visto aprirsi questo sito.
Non credo che sia solo la promozione della propria scrittura, del libro, della competenza tecnica, e quanto altro.
Vedo invece che, indipendentemente dai risultati, a vari livelli, il bisogno di scrivere non si ferma. Si trasforma in pagine anche tecniche ma da cui traspare “la scrittura”. Il carattere, lo stile, la colloquialità, come colloquiale è un libro. Si trasforma in appunti, progetti, cose nei cassetti che premono, confronti.
È un’indole. Ora mi ci riconosco, posso anche accettare l’appellativo di scrittrice, che mi era un po’ ostico, perché è quello che faccio insieme ad altre mille cose. Scrittrice, anche.
Non so cosa riuscirò a fare con questo sito, tecnicamente sono molto indietro. Se il mio informatico preferito non si da una mossa a supportarmi andrò parecchio piano.
Vorrei poter già inserire il resto del materiale, i quadri anzitutto, e fb, sì, in qualche modo mi servirà anche senza presenza, vorrei finire quel libro di oltre 150 pagine a cui mancano solo le note e un paio di immagini, vorrei “finire” e cominciare a mettere a frutto tutto il lavoro messo in cantiere negli anni, o almeno provarci, mentre cerco di rimettere in piedi il “resto”, che preme.
Intanto, anche io come tutti, curioso, mi rifletto e rifletto, scrivo, cerco e ogni tanto appunto.
Non posso che mettere in pratica le tre parole dell’anno che mi ero ripromessa.
Pazienza- se non puoi cambiare adattati:
Delfino- ma ‘ndo vai se l’informatico non ce l’hai?
Ordinare- mi ordino di mettere ordine.
A presto, spero.

WooCommerce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × quattro =