Quanto - gif animata

Quando e quanto il Quanto?

Quanto - gif animataHo creato un mostro.

Il mio informatico preferito è una particella subatomica, il gatto di Schrödinger.
Un “quanto” di luce che non coincide con la realtà relativa del mio tempo, che già è parecchio relativo di suo.
Impossibile determinare la sua esistenza e allocazione nell’Universo Spazio Temporale che compone la mia realtà, svanisce, trasformato in Materia Oscura, rilevabile e rilevante, ma non tangibile.
Quando pensi di averlo preso non c’è già più.

Le poche volte che lo incrocioo so di avere i millisecondi contati. Gli parlo al telefono, si disintegra la batteria, lo becco in chat (inutili gli appostamenti che si rende invisibile) ma le risposte paiono dover attraversare gli spazi siderali, prendiamo un appuntamento ma si perde in un viaggio nel tempo, poi appare all’improvviso, come una supernova, fulmineo, e altrettanto fulmineamente sparisce.
Comunicare è un’impresa. Documenti da scambiarsi? Tanto non li aggiorna. Drive? Fa la muffa. Mail? Non le legge che a gruppi, una volta ogni tre mesi.

Anche far coincidere gli orari mica è facile. Io sono un gufo, ma lui è un pipistrello, tira l’alba, quando io mi sveglio. Oddio, non è che entrambi dormiamo poi molto, anzi.
Troppe son le cose da fare che senza di lui non si fanno, sarebbe come eliminare il nucleo dall’atomo. Troppe cose ho fatto mentre sedimentavo di cui non sa un bosone, e dovrebbe saperle.
Non a caso due delle tre parole dell’anno erano Delfino e Pazienza.
Ma io ho fretta, il livello pazienza è in riserva da anni, ho finito il carburante. Va a finire, che mi arrangio, e faccio pasticci, ché son bravissima a fare pasticci.

Intanto che aspetto, “mugino”, il che vuol dire che “mi giro i film”, i miei pensieri scorrono per immagini, come sempre. Sorrido.
Produco.

Un’immagine vale più di tante parole, la quintessenza dell’Indeterminazione.
(Ciao Delfo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − tre =