Sorella Acqua - Pioggia

Noi siamo acqua

Sorella Acqua - Pioggia

Laudato si’, mi’ Signore, per sor’aqua, la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta. (Cantico delle creature – S. Francesco)

Il 22 Marzo si è celebrata la giornata mondiale dell’acqua.

Sul nostro pianeta l’acqua è presente nelle sue tre forme, liquida, solida e gassosa (a quanto pare cosa rara nell’universo).
La vita sulla Terra è iniziata nell’acqua. Noi nasciamo immersi nell’acqua.
Tutti gli organismi dipendono dall’acqua e ne contengono in quantità elevate.
Senza acqua non c’è vita e dalla qualità dell’acqua dipende la qualità della vita.

L’acqua è un potente solvente e, a seconda dell’età, il nostro corpo ne è composto dal 75 al 50 per cento. Essa rappresenta il veicolo di tutte le sostanze e di tutti gli elementi vitali nel nostro organismo. È la principale componente del corpo umano fin dalla più piccola cellula che, a sua volta, è composta principalmente di acqua.

L’uomo, durante la sua breve vita, ne beve circa 25.000 litri per il mantenimento delle sue funzioni biologiche e delle strutture organiche.
La carenza di questo elemento rallenta l’attività cellulare e causa seri danni agli organi. Se il contenuto d’acqua nella cellula scende al di sotto del 50 per cento i processi vitali si paralizzano, spesso anche in modo irreversibile. Il nostro corpo può resistere anche oltre un mese senza mangiare ma, dipendentemente da condizioni ambientali e fisiologiche, senza questo elemento, in capo al massimo a una settimana subirebbe danni tali che lo condurrebbero a una fine certa.

Oggi siamo consapevoli di quanta poca cura abbiamo avuto per questa risorsa che, insieme alla siccità data dal cambiamento del clima, è sempre più inquinata e sempre meno “casta” (pura). Nei mari esiste il problema delle micro e macro plastiche e anche le falde soffrono per l’infiltrazione di elementi chimici dati dalle attività umane riducendo considerevolmente le fonti disponibili.

Solo questi pochi dati dovrebbero farci riflettere sull’importanza di una risorsa vitale considerata merce che si tenta di privatizzare mentre oltre due milioni di persone al mondo soffrono la sete.
Un vero delitto contro l’Umanità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 5 =