Archivi tag: Tiade articoli

Era di Maggio…

Illustrazione Italiana 1898 - Sigaraie lasciano il lavoro Pubblico dominio - Luca Comerio (1878–1940)
Illustrazione Italiana 1898 – Sigaraie lasciano il lavoro
Pubblico dominio – Luca Comerio (1878–1940)

Per la festività del Primo Maggio volevo contribuire con un articolo, ma tanti saranno gli articoli più inerenti di storia e di rabbia per la festa dei lavoratori, e non del lavoro che non è un soggetto.

Ma di questi tempi il lavoro è scarso e quando si cantava “se otto ore vi sembran poche, provate voi a lavorar” non si pensava certo che si sarebbe ritornati a lavorarne anche quindici in condizioni che definirei disumane.
Qualsiasi cosa dica rischierebbe di avere il sapore della retorica, ho deciso così di contribuire a modo mio rispolverando un racconto breve, che fa parte di una serie dedicata alle donne sparse tra le epoche e la storia, che prende spunto dalla “Rivolta del pane” di Milano del 7 Maggio 1898 soffocata nel sangue dalle cannonate del generale Bava Beccaris.
La maggioranza dei rivoltosi: donne e ragazzi.

Storie al rogo
Era di Maggio

Era di Maggio, e fiorivan le rose.

Ma le sue mani non sentivano le spine.
Mani callose, ingiallite e tagliate dalla canapa.
Come una Parca intrecciava corde, mentre i fili della sua vita si scioglievano.
E il salario non bastava mai, non bastava per tutto, non bastava e basta.
Moira, detta Pincinella, ricordava ancora le parole di Anna, Anna con quel nome strano, straniero, ma che parlava una lingua che lei capiva.
Eccome se la capiva.
Ecco perché era lì. Perché aveva capito.

In piazza quella volta voleva esserci anche lei. Vedeva altre donne poco lontano, eran mondine, la tosse le tradiva, e più in là alcune tabaccaie con la pelle ingiallita.
Questo non è il giorno“, qualcuno disse . “E quand l’è ch’el vegnarà donca el dì?” chiese un operaio.

Per lei venne quel giorno stesso.
Era domenica e fiorivan le rose, e il fuoco la colse di sorpresa.
Il fuoco dei cannoni di Bava Beccaris respinse la folla, ma lei il sangue non lo vide mai.

C`è chi dice che solo la sua ombra, staccata dal corpo in un ultima magia, sia sopravvissuta al rogo e vaghi in cerca di una nuova Pincinella nei secoli a venire.
E c`è chi giura di averle parlato.

Tiade 18 maggio 2007

Il cielo di Aprile 2019

Cielo di aprile 2019
-1 aprile – Tradizioni

Pesce d’aprile
Giornata tradizionalmente dedicata agli scherzi le cui origini sono controverse. maggiori informazioni su Wikipedia.

-5 aprile – Luna Nuova

12 aprile – Luna Primo quarto

19 aprile – Luna Piena

21 aprile – Pasqua

22 aprile – Pasquetta

22/23 aprile – Liridi

Sciame meteorico Liridi

Nella notte tra il 22 ed il 23 Aprile avremo il picco dello sciame meteorico delle Liridi, uno sciame minore.. il numero di meteore che in teoria sono avvistabili in un’ora è intorno alle 15/20 meteore.
Sciame, di cui si hanno osservazioni storiche risalenti ad alcuni secoli a.C. per mano dei cinesi, originato dalla coda dalla cometa Thatcher (periodo orbitale di 415 anni).
Sciami minori: Ibridi, Pi Puppidi, Alpha Bootidi, Mu Virginidi.

27 – Luna Ultimo quarto

30 Aprile / 01 Maggio – Le feste della Ruota

Calendimaggio – Beltane (Valpurga)

Noi siamo acqua

Sorella Acqua - Pioggia

Laudato si’, mi’ Signore, per sor’aqua, la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta. (Cantico delle creature – S. Francesco)

Il 22 Marzo si è celebrata la giornata mondiale dell’acqua.

Sul nostro pianeta l’acqua è presente nelle sue tre forme, liquida, solida e gassosa (a quanto pare cosa rara nell’universo).
La vita sulla Terra è iniziata nell’acqua. Noi nasciamo immersi nell’acqua.
Tutti gli organismi dipendono dall’acqua e ne contengono in quantità elevate.
Senza acqua non c’è vita e dalla qualità dell’acqua dipende la qualità della vita.

L’acqua è un potente solvente e, a seconda dell’età, il nostro corpo ne è composto dal 75 al 50 per cento. Essa rappresenta il veicolo di tutte le sostanze e di tutti gli elementi vitali nel nostro organismo. È la principale componente del corpo umano fin dalla più piccola cellula che, a sua volta, è composta principalmente di acqua.

L’uomo, durante la sua breve vita, ne beve circa 25.000 litri per il mantenimento delle sue funzioni biologiche e delle strutture organiche.
La carenza di questo elemento rallenta l’attività cellulare e causa seri danni agli organi. Se il contenuto d’acqua nella cellula scende al di sotto del 50 per cento i processi vitali si paralizzano, spesso anche in modo irreversibile. Il nostro corpo può resistere anche oltre un mese senza mangiare ma, dipendentemente da condizioni ambientali e fisiologiche, senza questo elemento, in capo al massimo a una settimana subirebbe danni tali che lo condurrebbero a una fine certa.

Oggi siamo consapevoli di quanta poca cura abbiamo avuto per questa risorsa che, insieme alla siccità data dal cambiamento del clima, è sempre più inquinata e sempre meno “casta” (pura). Nei mari esiste il problema delle micro e macro plastiche e anche le falde soffrono per l’infiltrazione di elementi chimici dati dalle attività umane riducendo considerevolmente le fonti disponibili.

Solo questi pochi dati dovrebbero farci riflettere sull’importanza di una risorsa vitale considerata merce che si tenta di privatizzare mentre oltre due milioni di persone al mondo soffrono la sete.
Un vero delitto contro l’Umanità.

le feste della ruota – Equinozio di Primavera – Primiera – Ostara

Tramonto di primavera

È uno dei sabba minori che si svolge durante l’equinozio di primavera e celebra il risveglio della Dea dal suo sonno invernale per congiungersi con il Dio che l’inverno ha dominato. Così come si incontrano il giorno e la notte, che che in questo giorno sono della stessa durata, gli dei si incontrano in una sorta di fidanzamento per risvegliare la natura sopita. Unione che trova il suo culmine il primo Maggio in uno dei sabba più importanti: Beltane o Calendimaggio.

In questo giorno di rinascita si praticano i riti di purificazione dei corpi con abluzioni rituali e profumi, degli ambienti, la benedizione delle candele che si useranno durante l’anno a simboleggiare il ritorno della luce e si colorano le uova per farne dono come augurio di prosperità.
L’uovo, un simbolo archetipo legato al femminile, è di grande valenza in moltissime culture fin dalla preistoria a partire dai culti della Grande Madre. È il grembo primordiale, la culla originaria, il veicolo, l’uovo filosofico, l’uovo alchemico, l’uovo cosmogonico.
Un articolo esaustivo e molto interessante sulla simbologia dell’uovo si può trovare QUI.

Come si può ben notare, ataviche tradizioni e simbologie percorrono i tempi e vengono inglobate in usi e costumi legati alla religione contemporanea. La rinascita, le benedizioni, le uova e le pulizie, per l’appunto di Pasqua.

Le date possono non coincidere oggi, ma sintomatica è la coincidenza del periodo che ruota comunque intorno all’equinozio.

E di una nuova alba, di rinascita, più che mai ha bisogno l’empatia della specie. L’essere umano è talmente immerso in un vortice egoistico che dimentica il suo bisogno di aggregazione. La solitudine uccide. Ha talmente rifiutato la propria empatia, vissuta come debolezza, da non riuscire più a sentire ciò che lega gli individui fra sé e al mondo che li ospita, il mondo fisico, la Terra. Casa e Madre, matrice di un rapporto inscindibile.
La Madre che stiamo violentando non ha bisogno di noi, ma se uccidiamo la Madre sarà solo un ignominioso tramonto.

Se qualcosa può andar storto…

Legge Di Murphy
È la legge di Murphy, non ne scappo.

Da un anno a questa parte arrivano a ruota.
Non bastava l’incidente a Delfo, per fortuna senza gravi conseguenze, che ha distrutto l’auto e ci ha lasciati a piedi, non bastava la sequela di esequie che hanno prosciugato il fondo cassa ritardando un intervento non ulteriormente procrastinabile, non bastavano i problemi con l’hosting che hanno fatto sparire il sito per un po’ e i continui messaggi di “Error establishing a database connection” che per pubblicare un articolo ci vogliono due giorni, ci voleva una ciliegina sulla torta: il mio stupendo portatile MSI ha deciso di spegnersi, definitivamente.
Ci è voluto un po’ per recuperare un vecchio scatolone asmatico di ben 2 Gb di memoria e una scheda grafica integrata (sic!), ma dotato di uno “stupendo” monitor Philips, quadrato, di ben 15 pollici di era antidiluviana. Indi, per la grafica dovrò ancora pazientare. In compenso sono riuscita a fargli vedere il mio hd, ma solo come secondario mentre la connessione wifi è utopica, funziona solo tramite usb. Non posso nemmeno aprire troppe finestre contemporaneamente e questo mi rallenta tantissimo. È d’uopo accontentarsi.

Non intendo rinunciare però a pubblicare gli articoli che avevo programmato per marzo, anche se in ritardo, anche se non tutti, sperando nella comprensione di chi ha ancora la pazienza di visitare il sito per vedere se esisto. Niente articolo sulla festa della donna, sulle origini del carnevale ambrosiano, sulla giornata del p-greco o quella della poesia o la giornata internazionale contro la violazione dei Diritti umani per la quale almeno un pensiero è d’obbligo.

Pubblicherò invece gli articoli sull’acqua, visto che il 22 marzo è stata la giornata mondiale dell’acqua e che sono articoli che avevo già pubblicato nel bollettino che redigevo per la mia azienda agricola.
Cercherò di calendarizzare i mesi seguenti, nel limite del possibile, augurandomi che la sfilza di rogne sia finita. Le immagini che non posso realizzare per la sezione Astri, dal momento che il firmamento di Stellarium non “gira”, le prendo in prestito dal “Piccolo almanacco astronomico” per gentile concessione del suo autore.

Per concludere:
Stato attuale: cellulare morto a fine mese, connessione fino a fine maggio, spostamenti a piedi per decine di chilometri su e giù dal monte, autostop (sono ottimista). Un ritorno poco nostalgico agli anni ’70;
Prospettive: Ho avuto una dritta per una tipografia per la stampa dei libri, spero sia la volta buona;
Necessità: Grattare il fondo del barile della pazienza;
Risorse: La parola “arrendersi” non è prevista dal mio Sistema Operativo…

I Lupercali

Lupercali

Lupercali [immagine abbondante nel web senza crediti]

La festività dei Lupercali è stata soppressa nel momento in cui l’antico calendario romano, istituito da Romolo e revisionato da Numa Pompilio, fu ridisegnato prima da Giulio Cesare, nel calendario giuliano e, anche se la festa fu temporaneamente restaurata prima da Augusto e poi da Anastasio, fu infine definitivamente “occultata” dal calendario gregoriano ancora in vigore.

Giungiamo, quindi, alla più popolare festa dell’amore che venne istituita in onore del vescovo Valentino da Interamna (Interamna Nahars, Roma 176 – 273 d.C.) un paio di secoli dopo la sua morte (496 d.C.) quando il papa Celasio I decise di abolire la festività pagana della fertilità dedicata al dio Luperco (Lupercalia) per sostituirla, appunto, con il giorno di san Valentino.
I Lupercali erano consacrati a Fauno e venivano celebrati il 15 febbraio, cioè durante i «dies parentales», i giorni di onoranza dei defunti, dal 12 al 21 dello stesso mese, il cui nome, «Februarius», è connesso a «februum», «ciò che purifica», e a «Februus», «il Purificatore», cioè Dispater, il dio del mondo infero in aspetto di purificatore.

In questo periodo, allorché l’equilibrio fra il mondo umano e il mondo naturale si rompeva, Fauno diveniva selvaggio, si scatenava, anche in senso erotico. Nei Lupercali, festa che precedeva il rinnovamento primaverile, i Luperci correvano seminudi e sferzavano con cinghie in pelle di capra coloro che incontravano per purificarli, secondo il principio per cui ciò che ferisce può guarire. La «Purificata» della festa era Iuno, dèa abbigliata in pelli di capra, e il rito di purificazione rendeva feconde le donne. Il Luperco (lupo) rappresentava la purificazione, mentre la frusta (capra) rappresentava la procreazione.

La festa di Lupercalia prevedeva, oltre alla rappresentazione nel Lupercale, anche una simpatica lotteria a sfondo amoroso e sessuale: i nomi delle giovani vergini da fecondare e quelli dei giovani aspiranti “uomini-lupo” erano posti in bigliettini dentro due appositi contenitori; i due fanciulli battezzati con il latte durante il rito lupercale pescavano a turno un bigliettino formando così le coppie che avevano a disposizione un intero anno, fino alla nuova celebrazione, per provvedere alla fertilità di tutta la comunità, con la benedizione di Marte, Romolo, Pan, Fauno Luperco e delle “Grandi Madri” romane – Ruma, Rea Silvia, Fauna, Acca Laurentia – incarnatesi nel modello mitico universale noto come “La lupa”.
Pan

 Pan copula con una capra. Foto Marie-Lan Nguyen [crediti]

Questa antica festa evoca dunque anche l’ombra di Pan, il dio del Panico, figura dionisiaca collegata alla dimensione selvaggia e incontrollabile della natura (ma anche protettore dei pastori e delle selve) che incarna un’ideale di vita primitiva e comunitaria in simbiosi con l’energia panica della natura. Raffigurato con le sembianze di uomo-capra o uomo-lupo trascorre rapido le distanze, salta sulle rocce, si nasconde nei boschi per assalire le ninfe e possederle, esprimendo la sfrenata libertà di una vita senza leggi tutta immersa nel godimento.

Plutarco riferisce che nel giorno dei Lupercalia la festa partiva con l’iniziazione di due nuovi luperci, col classico rituale del coltello insanguinato posto sulla fronte dei giovani (sangue delle capre sacrificate, poi pulito con lana intrisa di latte).

Secondo il filologo francese Georges Dumézil, i Luperci rappresentavano gli spiriti divini della natura selvaggia subordinati a Fauno. Nel giorno dei Lupercalia, infatti, l’ordine umano regolato dalle leggi, si interrompeva e nella comunità faceva irruzione il caos delle origini, che normalmente risiede nelle selve.

Confrontando le simbologie rituali sopra descritte con quelle celtiche relative alla festività di Imbloc, non si possono non notare alcune coincidenze. Il periodo, febbraio, che anche se nelle diverse tradizioni differiscono i giorni, probabilmente coincidevano nelle varie epoche con il plenilunio o il novilunio. L’intento della purificazione, il sangue (simbolo mestruale?), il latte e gli armenti, simboli indiscussi della fertilità che si vuole evocare. Non è difficile che le origini di entrambe le tradizioni
siano più antiche, comuni e probabilmente legate al culto agreste più arcaico della Dea Madre.
Tratto da :
Oramala, cronache dal contado – N° 3 – Febbraio 2010
Fonti testuali: Qui

Le feste della Ruota. Imbloc (Candelora)

viola mammola

immagine: Fritz Geller-Grimm [crediti]

Il terzo Sabba dell’anno (dopo Samhain, il capodanno pagano il 31 ottobre e Yule, il solstizio d’inverno) rappresenta un momento di transizione tra l’inverno e la primavera. La Dea si appresta al risveglio e con lei la terra.

È una festa di rinnovamento dove si celebra il ritorno della luce, la ripresa delle forze dopo il parto. Ci si prepara con riti di purificazione, con la pulizia della casa, si preparano le nuove candele e il sapone, si preparano i semenzai che andranno a ingravidare la terra.
Per la civiltà agreste e pastorale, Imbloc, o “in latte”, rappresentava il momento in cui si riempivano di latte le mammelle degli armenti pronti alle nuove nascite, latte che veniva versato per nutrire la terra come offerta propiziatoria. La tradizione celtica prescriveva che si facessero passare i primi agnelli nati in cerchi infuocati con le cui ceneri le donne si cospargevano le parti intime confidando che aiutasse le gravidanze, per questo veniva chiamata la festa della fertilità e i figli concepiti in quel periodo venivano detti figli del fuoco.

Alcune tradizioni, ancora, festeggiano in questo giorno la triplice Dea, riti sopravvissuti presso alcune fonti che rappresentano la linfa e la forza vitale della Madre. Reperti votivi sono stati ritrovati presso sorgenti e corsi di acqua un po’ in tutta Europa.

Le giornate, che già da Yule si sono allungate, portano una promessa di primavera anche se incerta dal momento che febbraio, il mese della “luna di ghiaccio”, è considerato il mese più nevoso.
Il fuoco, l’acqua, la terra governati dal ciclo del cielo.
E al cielo si volge lo sguardo per trarre gli auspici per la stagione.
Noto il detto popolare che varia da dialetto a dialetto ma con una evidente origine comune. Io lo ricordo così:
Candelora, Candelora, se pioviscola o gragnola dell’inverno semo fora;
Se fa sole o solicello, siam nel mezzo dell’inverno.
Se in questo giorno il tempo sarà inclemente l’inverno e agli sgoccioli, ma se il sole sembra dire che la buona stagione è arrivata siamo in realtà in pieno inverno.

Sono gli ultimi rigori, le ultime scorte di cibo, gli ultimi ciocchi di legna da ardere, ma il risveglio è comunque imminente recando seco promesse e già, sfidando le gelate, fanno capolino i primi fiori (che non sono le primule) con le loro foglie a cuore e il loro soave profumo, le viole mammole (uniche viole a profumare) e i fiori penduli e pallidi del nocciolo. Le gemme degli alberi cominciano a gonfiarsi, gli animali a svegliarsi dal letargo e le giornate si fanno via via più luminose.
La Ruota gira donando rinnovate energie.

Le feste della Ruota

 

L’immagine rappresenta un reperto proveneinte da una tomba gallica, conservato al Museo Nazionale delle Marche di Ancona. Si tratta di una corona di foglie ed altri elementi vegetali realizzata in lamina d’oro e smalto. [immagine di pubblico dominio – crediti]

Ci sono otto ricorrenze durante l’anno, le “Feste della Ruota”, chiamate anche Sabba (ma che niente hanno a che fare con calderoni e danze demoniache), che sono le feste del calendario pagano legate ai cicli del cielo e della terra. Ai tempi dell’età del ferro coincidevano con precisi eventi astronomici, oggi sfalsati in virtù dei cicli dell’asse terrestre.

Sono tradizioni molto antiche, precedenti al cristianesimo, che non sempre è riuscito a sovrapporvisi, le cui tracce sopravvivono tutt’oggi nelle manifestazioni folcloristiche e nelle tradizioni rurali.
La civiltà agreste, che dipendeva dallo scandire delle stagioni, aveva la necessità di determinare i tempi della semina e del raccolto, aveva la necessità di invocare, con la ritualità, la fecondità della terra, di ricollegarsi al rapporto con gli avi, di determinare il susseguirsi della stagione del lavoro con quella del riposo, della stagione della luce a quella del buio, della stagione del risveglio con quella della riflessione.

Era il tempo in cui la Dea, entità legata alla luce, era una divinità femminile, ma con la sua controparte maschile, e, pur con differenti sfumature, se ne trovano reperti fin dalla preistoria nella sua triplice veste simboleggiata dalle fasi lunari a cui è legata: fanciulla, matura e gravida, anziana.

Venere di Tan-Tan, scoperta in Marocco, datata tra 300.000 e 500.000 AC. con trace di ocra rossa. Contemporanea di Homo Heidelbergensis. [pubblico dominio – crediti]

La Dea dalle molte mammelle, dal ventre enfio, dalle forme abnormi, simbolo di fecondità e abbondanza. Dea gravida e sterile che sovrintende il mondo della natura, della terra legata al cielo, del regno dei vivi e quello dei morti.
Una divinità che dall’incontro con il Dio rende prolifica la terra. Né buona né cattiva, semplicemente esiste e si manifesta in ogni ciclo dell’esistenza.
A lei si rivolgevano i contadini per invocare messi abbondanti, a lei si rivolgevano le giovani donne per esser fecondate.

HOMO HEIDELBERGENSISUn’Essenza le cui briciole si ritrovano ancora sparse per i vari continenti, soppiantata da una divinità maschile univoca che non ha invece corrispondenze con la realtà materiale della nostra esperienza terrena, una divinità maschile che può fare appello solo alla fantasia e le cui manifestazioni sono intangibili, contrapposta alla manifestazione materiale della Dea che è invece esperienza quotidiana.

Homo Heidelbergensis è un ominide estinto, vissuto fra 600 000 e 100 000 anni fa e probabile ultimo antenato comune fra noi e Homo Neanderthalensis [crediti].

Quella Dea Madre che oggi stiamo violentando dimenticandoci che da Lei dipende non solo la Vita ma la nostra stessa vita.
Quella Dea Madre che, senza pietismi, ripercorrerà il ciclo di nascita e morte, come è sempre avvenuto, come avverrà sempre, fino alla fine della Sua stessa esistenza, in una perpetua Ruota.

Il cielo di Febbraio 2019

Il cielo del 15 febbraio verso mezzanotte. Immagine Stellarium

30 gennaio 2019

Il calendario del cielo ma con un occhio alla terra. Dal nostro punto di vista eterni e immutabili come i punti cardinali. Il Nord alla stella Polare o al Nord magnetico della bussola.

Peccato che di immutabile non ci sia niente, nemmeno il campo magnetico terrestre che se ne sta andando a spasso e dopo aver stazionato nel Canada si sta facendo un giretto verso la Siberia.
Pare abbia fretta, talmente tanta che il 30 gennaio di questo anno si dovrà aggiornare il “Modello magnetico del mondo” (WMM) in anticipo di 1 anno. Sistema “alla base di tutti i sistemi di navigazione e geolocalizzazione moderni, da quelli che guidano le navi in mare a Google Maps sugli smartphone”, rivelatosi “così impreciso da superare il limite accettabile per gli errori di navigazione”. [Fonte: Le Scienze]
-Torni a bordo, cazzo!

2 febbraio – Le feste della Ruota

Imbloc – Candelora

4 febbraio – Luna nuova

12 febbraio – Luna – primo quarto

19 febbraio – Luna piena

26 febbraio – Luna – ultimo quarto

Sciami meteorici.

Sono presenti un po’ tutto l’anno tra sciami maggiori e minori. Per chi volesse approfondire Qui una lista completa.
Cliccando sul nome si ottiene una descrizione dello sciame e la sua probabile origine.

Pianeti

Per chi fosse interessato alla visibilità dei pianeti sul sito astropratica.space è scaricabile gratuitamente “Il piccolo Atlante astronomico”, ma una piccola donazione per il lavoro svolto a favore di chi opera per la diffusione della cultura scientifica è sempre ben accetta.

L’ultimo pezzo di pane

Bilancia dal lager di Trier

In giornate come questa, dedicate alla memoria, mi chiedo quale sia il compito di chi scrive. Mi chiedo se usare il ben dell’intelletto serva solo a raccontare storie, a descrivere emozioni e non anche a tramandare sentimenti che dovrebbero essere la giusta evoluzione dell’essere umani.

Quella che si definisce umanità, società civile, sembra soffrire di una sorta di amnesia collettiva ricordando le conseguenze ma non l’origine dei fatti. Io credo che chi scorda il proprio passato sia condannato a riviverlo.
Per questo scelgo, nel mio piccolo, di rivendicare il diritto alla vita, il diritto all’acqua e al cibo, il diritto ad essere uguali, il diritto della Specie a muoversi su un pianeta del quale siamo tutti ospiti allo stesso modo.
Per questo nel “Giorno della memoria” non solo io ricordo, non solo porto testimonianza, io chiedo anche a chi scrive di non tacere, di ricordare a sua volta, di opporsi al rigurgito dell’odio, di non vergognarsi di essere umano.

Resistenza, si, una resistenza, una forza individuale, e per quel che si poteva, collettiva, resistenza del nostro “io” morale, della nostra personalità che veniva gradualmente sommersa, veniva gradualmente soffocata sotto tutta quella sofferenza;
resistenza a noi stessi, resistenza morale che consentiva talora anche la resistenza fisica. Si era ridotti ad un peso di 30-35 chili; eppure si durava, si durava perché si voleva tornare, si voleva tornare uomini nel mondo.
La solidarietà si allenta; eppure quando soltanto una fiammella del nostro spirito rimane, al fratello morente si da l’ultimo pezzo di pane perché possa avere ancora un quarto d’ora di vita“. (Piero Caleffi)
[Da “La nostra Resistenza ” edito dal Comune di Milano, Ripartizione Educazione, nel 1964 – distribuito nelle scuole]

La rudimentale bilancia nell’immagine è un simbolo, un monito, un cimelio storico, forse unico, che apparteneva a mio padre internato nel lager di Trier. Veniva usata per spartirsi quel pezzo di pane che per alcuni poteva esser l’ultimo.
Chi era fisicamente in grado spaccava pietre anche per chi non poteva, resisteva anche per chi non ne era in grado, perché la resistenza fosse quanto più possibile collettiva. L’umanità così si affermava sulla disumanità e sull’egoismo.

Albera Andrea, Stalag n. XII D, Trier – TRIANGOLO ROSSO – Comunista.

Nei campi di sterminio nazisti il triangolo rosso (con il vertice verso il basso) era il simbolo che identificava i prigionieri politici, ed accomunava a tutti i contestatori del regime nazista – in particolare i comunisti (da cui la probabile scelta del colore) e i socialisti -, nei confronti dei quali era stato emesso un mandato di arresto per motivi di “sicurezza”.

Dopo la sconfitta del nazismo e la liberazione dei campi, molti di questi simboli sono stati orgogliosamente rivendicati dalle rispettive categorie, come segno di identità e di resistenza sia alla barbarie nazifascista, sia ai pregiudizi sociali che spesso ancora oggi suscitano. In particolare, il triangolo rosso è assurto a simbolo di antifascismo militante da parte di organizzazioni e militanti di sinistra, specialmente in paesi come la Francia, il Belgio e la Germania.

Cenni storici:
Il campo XII D di Trier per soldati nemici, é lo stesso lager dove fu internato il filosofo Jean Paul Sartre che lí scrisse il dramma “Bariona o il figlio del tuono” incentrato sul rapporto tra madre e figlio e nel quale i credenti, compagni di sventura, trovarono una sorta di sollievo non potendo celebrare il natale.

L’ignavia dei più che non seppero riconoscere la bestialità delle leggi razziali portò allo sterminio, oltre che degli ebrei, di russi, omosessuali, zingari di varie etnie, comunisti, mongoloidi, gente del sud (italiani compresi), e tutti coloro che venivano considerati subumani.

Dodici milioni di persone sterminate nelle camere a gas, attraverso eliminazioni di massa, iniezioni di benzolo, per fame e privazioni, distruzione fisica operata anche nelle “infermerie” (dove anche ai bimbi si rompevano le ossa tante e tante volte per vedere quando avrebbero smesso di saldarsi). Troppe sarebbero le atrocità da ricordare, compresi i bimbi strappati al ventre delle madri, che solo scriverle mi fa star male.
Censura, proibizionismo, coprifuoco, razzismo, furono le loro armi che pian piano si trasformarono in una delle più spaventose dittature che il mondo ricordi.

Stiamo assistendo al riaffermarsi delle ideologie che tanto orrore hanno causato, davanti all’indifferenza dei più e oggi, come allora, si mal sopportano i “diversi”. Non passa giorno che qualche muro non sia imbrattato da motti di antica memoria, i principali network sono infettati da miriadi di gruppi di novelli nazifascisti portatori di nuovi incendi, miriadi di ignoranti negano la storia e li sostengono. Si ripresentano situazioni di emarginazione a seconda delle etnie, si trova normale assistere allo sprofondare non solo di corpi ma dello stesso Umanesimo, della morale e di un’etica che ora è scomoda.

Gli ignavi, oggi come allora, “non vedono”.
Oggi come allora l’umanità aspetterà di svegliarsi all’inferno?
In questo caso l´intolleranza è un valore, è un diritto, è un dovere. È difesa di quell’umanità che troppo spesso si è rivelata disumana.
Oggi più che mai urge il bisogno di reagire opponendosi con tutti i mezzi al radicamento della ferocia.

Questa pagina è dedicata a mio padre, Andrea, a cui, a causa dell’incendio degli archivi militari, non è mai stato riconosciuto lo stato di deportato.

Tiade, 7 lug 016